I dati del periodo Covid della rete D.i.Re, la principale rete dei centri antiviolenza

A marzo i centri antiviolenza della rete D.i.Re hanno ricevuto il 74,5 per cento di richieste di aiuto in più rispetto alla media mensile del 2018

L’Associazione D.i.Re, che riunisce 80 centri antiviolenza non istituzionali, ha diffuso alcuni dati sulle richieste d’aiuto ricevute da donne vittime di violenza tra il 2 marzo e il 5 aprile: sono state 2.867, il 74,5 per cento in più rispetto alla media mensile del 2018, l’ultima rilevata.

Fin dall’inizio delle restrizioni sugli spostamenti dovute al coronavirus (SARS-CoV-2), una delle preoccupazioni di chi si occupa di diritti delle donne e sostegno alle donne vittime di violenza domestica era che il dover stare sempre chiuse in casa avrebbe aggravato la situazione di molte donne in difficoltà. Il dato diffuso da D.i.Re è notevole anche se confrontato con i dati disponibili sulle richieste ai centri antiviolenza istituzionali: secondo i dati dell’ISTAT relativi al 2017, la media di richieste arrivate ogni mese ai 281 centri antiviolenza istituzionali è di 3.622, una media di 12,9 richieste a centro; nei centri D.i.Re, lo scorso marzo, il rapporto è stato di 35,8. Anche la media di denunce mensili alla polizia riguardo a maltrattamenti subiti da familiari e conviventi tra il 2014 e il 2016 aiuta a farsi un’idea: sono 1.100.

 Un altro dato diffuso da D.i.Re riguarda la percentuale di donne che si sono rivolte ai centri antiviolenza per la prima volta: sono state il 28 per cento del totale. Questo dato è preoccupante secondo Paola Sdao, una delle responsabili della raccolta dati di D.i.Re, perché nel 2018 le richieste provenienti da donne che non avevano mai chiamato prima erano il 78 per cento: questa differenza sembra indicare che anche se in questo periodo ci sono più richieste del normale, è più difficile chiedere aiuto per le donne che non lo hanno mai fatto prima.
Articolo del Post del 15 aprile 2020